Rose Hawthorne Lathrop

Era la terza figlia del celebre scrittore americano Nathaniel Hawthorne, ma ha abbandonato una vita di letteratura per prendersi cura dei poveri cancerosi. Rose Hawthorne Lathrop è nata nel Massachusetts, un anno dopo il lavoro di suo padre La lettera scarlatta è stata pubblicata. Un discendente delle prestigiose famiglie di Peabody e Hawthorne, Rose era a tutto tondo nella cultura e benedetto con molti talenti. Seguendo le orme del padre, ha provato la propria mano a scrivere e ha pubblicato una serie di opere. In seguito sposò George Lathrop, un collega scrittore, e insieme si convertirono al cattolicesimo romano. Il loro matrimonio fu improvvisamente distrutto dopo la devastante perdita del loro unico figlio, Francis, e si separarono, alla fine separandosi. George ha lottato con l’alcolismo, ed è diventato così insopportabile per vivere con che Rose è stato costretto a chiedere alle autorità diocesane per il permesso di lasciarlo. La sua richiesta è stata accolta. Una carità ardente per lui è rimasta, e le annotazioni nel suo diario indicano che ha continuato ad amare e pregare per lui dopo la loro separazione.

Dopo la separazione, Rose ha sentito la chiamata del Signore a servirlo prendendosi cura delle vittime del cancro povere e abbandonate. Fu commossa con compassione per la loro situazione, e in seguito riconobbe: “Un fuoco fu poi acceso nel mio cuore dove brucia ancora. Ho impostato tutto il mio essere per cercare di portare consolazione ai poveri cancerosi.”Dopo aver seguito un corso infermieristico presso l’Ospedale oncologico di New York, non perse tempo a gettarsi nelle fosse più povere di New York. Ha prontamente scambiato la sua educazione colta e raffinata per un piccolo appartamento con acqua fredda nel Lower East Side della città, dove ha allattato malati di cancro incurabili. In seguito disse: “Nessuna descrizione mi aveva dato una vera conoscenza di quanto siano bui i passaggi durante il giorno, di quanto miseramente inadeguata sia l’approvvigionamento idrico, di quanto sia impossibile che le masse di poveri nei caseggiati tenessero se stessi o i loro alloggi puliti.”Ma sostenuta dalla sua fede in Dio, decise, “take di prendere la classe più bassa che conosciamo sia nella povertà che nella sofferenza e metterli in una condizione tale, che se Nostro Signore bussasse alla porta, non dovremmo vergognarci di mostrare ciò che abbiamo fatto.”Circondata dai pazienti impoveriti, non solo ha lavato amorevolmente le loro piaghe cancerose e le lenzuola, ma ha esteso loro amorevole affetto. Ha restituito loro il senso di dignità che avevano perso nell’essere emarginati dalla società.

“Vedi in ogni sofferente Nostro Signore Gesù Cristo. Ricorda have hanno l’immagine di Dio nelle loro anime.”

Nel 1897, Rose fu raggiunta da Alice, una donna curiosa che aveva letto le opere di Rose in un articolo di giornale. Mossa dal senso di sacrificio e compassione di Rose, decise di fare volontariato; ma quello che era iniziato come un pomeriggio alla settimana divenne una vita trasformata – poiché si sarebbe legata permanentemente al lavoro di Rose. Il duo ha formato i “Servi di soccorso”, una comunità che serve i poveri malati di cancro senza accettare il pagamento da parte dei pazienti o aiuto assunto. Dopo aver supplicato per l’assistenza finanziaria attraverso i giornali, Rose finalmente fatto un pagamento sostanziale sulla loro prima casa libera nel 1899, e sono diventati i servitori di sollievo per il cancro incurabile. Seguirono il consiglio di un sacerdote e divennero terziari domenicani, prendendo i nomi di suor Mary Alphonsa e Suor Mary Rose. Nel 1900, l’arcivescovo diede loro il permesso di indossare l’abito domenicano, e finalmente iniziarono a costruire una nuova comunità religiosa, accettando quattro nuovi postulanti nel 1901. Madre Alphonsa morì tranquillamente nel sonno nel 1942 dopo aver servito disinteressatamente i poveri per 30 anni. I pazienti sono stati allietati dal notevole amore che ha dato loro. Il suo cuore fu sempre elevato a Dio, e disse: “Vedrò tutto solo attraverso la presenza di Dio, liberandomi così della personalità e dimenticando la mia esistenza. Considererò le creature nello spirito di Gesù Cristo.”La loro comunità, chiamata anche Hawthorne Dominicans, continua a servire i poveri afflitti dal cancro oggi. La causa di canonizzazione di Madre Alphonsa è stata aperta nel 2003.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.